VIOLINO e VIOLA

Il corso amatoriale ha lo scopo di avvicinare l’allievo alla pratica strumentale in modo piacevole, fornendogli tutti gli strumenti necessari (tecnica, metodo, nozioni di base).

Si tratta di un vero e proprio percorso attraverso la produzione violinistica classica, moderna e folk che verrà personalizzata in base ai gusti ed alla predisposizione dell’allievo.

Il corso professionale si rivolge invece a coloro i quali decidono di approfondire la produzione violinistica nella sua totalità finalizzando lo studio alla ricerca di una costante qualità del suono, alla padronanza della tecnica della mano sinistra e alla capacità di suonare insieme ad altri strumenti ed in orchestra, al fine di conseguire le licenze di Stato attraverso gli esami presso i Conservatori Statali di Musica.

docenti: GIORGIO MOLTENI e STEFANO SERGEANT

GIORGIO MOLTENI

M° Giorgio Molteni - direttore didattico

Nato a Padova da una famiglia di musicisti, compie gli studi musicali presso il Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano sotto la guida del M° Osvaldo Scilla, diplomandosi nel 1998.
Dedica una parte importante della propria attività alla musica da camera, esibendosi in formazioni cameristiche ed orchestrali. Attivo come solista in Italia e all’estero, tiene numerosi concerti in duo con la pianista Cristina Molteni, in Trio con il Trio Solista del Conservatorio Verdi di Milano ed in Quartetto con il Quartetto d’archi Pàrodos.

Ha interpretato in qualità di solista i massimi capolavori del repertorio per violino e orchestra con diverse compagini orchestrali.

Nel 1996, insieme al chitarrista ed etnomusicologo Carlo Ferré, ha fondato l’ensemble VagaMondo con lo scopo di contribuire a riaffermare l’importanza storica e culturale della musica popolare e folk, dedicandosi in particolar modo allo studio della prassi esecutiva violinistica di questo repertorio: ha affrontato quindi il repertorio dell’Est Europa (musica balcanica, la cultura tzigana ed il repertorio Yiddish), la musica tradizionale del Nord-Italia (con particolare riferimento al lavoro del violinista folk Melchiede Benni), la musica Celtica (arie, hornpipes, gighe, reels e composizioni originali del musicista Turlog O’Carolan) e il repertorio folk delle 2 Americhe (Sud America – i tanghi e le milonghe dalle radici alle contaminazioni contemporanee – Nord America – il repertorio Cajuns, la musica Country Bluegrass e Texas Style).

Passando invece all’aspetto didattico, ha iniziato la sua attività nel campo dell’insegnamento come assistente di Osvaldo Scilla presso il Conservatorio “G. Verdi” di Milano. Molto attento allo studio delle diverse scuole violinistiche, è un grande sostenitore del più moderno metodo didattico violinistico esistente, nato dalle teorie della violinista e violista ungherese Kató Havas.

E’ direttore didattico della Nuova Scuola di Musica di Cantù (CO). Nel 2001, con la Nuova Scuola di Musica di Cantù e la direzione artistica del M° Pierangelo Gelmini, ha fondato l’Orchestra Giovanile “Città di Cantù”, vera e propria Orchestra Sinfonica che raccoglie ben 110 giovanissimi musicisti (dai 6 ai 14 anni) provenienti dalla provincia di Como, Lecco, Varese e dal Canton Ticino.

Ha fondato, insieme al violinista comasco Stefano Sergeant, l’Orchestra da Camera “Cimarosa”.

E’ direttore artistico del Concorso Musicale Nazionale under18 “Città di Vimodrone”

Suona un violino di Gaspare Lorenzini del 1767 e un Riccardo Antoniazzi del 1906.

 


STEFANO SERGEANT

M° Stefano Sergeant

Stefano Sergeant nasce a Cantù (CO) nel 1984. Ottiene il diploma di violino nel 2007 al Conservatorio di musica di Como, con il massimo dei voti, nella classe del M° Alessandro Perpich. Dopo aver frequentato il Biennio Accademico nello stesso Istituto, si laurea con il massimo dei voti e la lode. Ha studiato un intero anno scolastico con il progetto ERASMUS alla Jazeps Vitols Latvian Music Academy di Riga (Lettonia) con il Professor Juris Svolkovskis. Nel 2013 ottiene il Master of Arts in Instrumental Performance Klassik alla Hochschule für Musik Luzern (Svizzera) sotto la guida di Daniel Dodds. In ambito didattico ha conseguito il Certificate of Advanced Studies HMI in Didattica dell’insegnamento strumentale. Ha collaborato con varie orchestre in Italia e in Svizzera. In formazioni cameristiche ha tenuto concerti in Italia, Svizzera, Germania, Slovacchia, Giappone. E’ primo violino e fondatore del quartetto Bakura, quartetto d’archi che interpreta canzoni pop, rock, e musiche da colonne sonore. In quartetto d’archi ha tenuto la prima esecuzione assoluta dei “Sei divertimenti per quartetto d’archi” di Guido Boselli. Come solista si è esibito nei concerti di Vivaldi “Le quattro stagioni”, nel “Concerto per due violini” in re minore di Bach, nel “Concerto triplo” per violino, violoncello e pianoforte di Beethoven, nel “Concerto KV 207” di Mozart.